Attività

Il mio impegno nelle

Commissioni parlamentari

Un lavoro attento e costante a tutela dei nostri interessi nazionali, per cambiare dall'interno quest'Europa.

Sono membro titolare della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni

La commissione LIBE si riunisce settimanalmente per trattare dossier riguardanti varie tematiche tra cui i diritti dell’uomo e dei cittadini, le misure per combattere la discriminazione, la trasparenza per la protezione delle persone fisiche ed il trattamento dei dati personali, lo sviluppo del principio di sussidiarietà e di proporzionalità.

Altre tematiche chiave sono quelle riguardanti l’ingresso e la circolazione delle persone (asilo ed immigrazione), la gestione delle frontiere esterne, la cooperazione tra le forze di polizia europee; il fine è di avere uno scambio maggiore e più equo di informazioni ed evitare il proliferare di minacce interne ed esterne all’Unione.

E’ necessaria una politica comune europea per il rimpatrio dei migranti irregolari

Recentemente sono stato nominato shadow rapporteur (relatore ombra) della Proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio recante norme e procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare.

Tale direttiva mira ad intensificare l’effettivo rimpatrio dei migranti irregolari tentando di dare una politica europea comune, efficace e coerente nella gestione di tale emergenza. È necessario mettere in evidenza il rafforzamento di strumenti comuni per assicurare una gestione idonea delle frontiere esterne e della migrazione illegale.

Mantenere la prosperità delle comunità rurali, nonché creare e conservare posti di lavoro nell’industria alimentare.

Oltre alla commissione LIBE, sono membro sostituto della Commissione agricoltura e sviluppo rurale (AGRI). Già nello scorso mandato, da membro titolare di questa commissione, ho avuto la possibilità di entrare nel merito di dossier di grande importanza come quello relativo alla Politica agricola comune (PAC).

Ancora oggi, porto avanti il mio lavoro con l’obiettivo di garantire cibi sicuri e di qualità a prezzi accessibili, assicurare un tenore di vita equo agli agricoltori, tutelandoli da un’eccessiva volatilità dei prezzi, dalle crisi di mercato e dagli squilibri all’interno della filiera alimentare.